15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://www.veronicadandrea.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Team di professionisti lucani produce raccordi per respiratori diretti al Nord

Un progetto che parla italiano, anzi lucano, quello che coinvolge cinque potentini professionisti della progettazione ingegneristica e del design.

Si tratta di Sergio Lo Sardo e Marco Onofrio della 3D Art Revolution, di Rocco Laguardia, titolare dello studio Rolag, di Valerio Aliandro per la Stampa3DMulticolor e del grafico Francesco Ruoti.

A tutti loro, va riconosciuto il merito di aver varcato i confini regionali con il loro FABLAB e per aver conquistato la società bresciana Issinova, nel coprire la produzione di raccordi per respiratori, a seguito di un noto progetto di modifica di maschere da sub. I dispositivi sono stati poi donati agli ospedali lombardi.

I professionisti lucani, spiegano alla Gazzetta, come, a seguito di questo progetto, siano aumentate in maniera considerevole le richieste di dispositivi di protezione per le esigenze di singoli ma anche di altre strutture pubbliche.

Le mascherine sono state immediatamente messe a punto partendo da un file open source e opportunamente modificate per arrivare ad un grado di sicurezza idoneo.

Si tratta di pezzi stampati in 3D, in materiale plastico di origine naturale, PLA trattato e stampato in modo da renderlo idoneo come barriera fisica al droples, e la presenza di un filtro in TNT posto davanti la griglia di areazione. Il tutto in 40g, diverse misure e colorazioni e quindi adatto a tutti.

Le particolarità sono il riutilizzo della maschera che, ad ogni singolo uso può essere tranquillamente lavata con acqua e sapone e disinfettata con alcool. Un altro vantaggio è costituito dalla facilità di cambiare il filtrino in pochi secondi, dopo circa sei ore di utilizzo, tempo però che si riduce inevitabilmente se ci si trova in luoghi affollati o particolarmente pericolosi.

Articolo completo pubblicato su La Gazzetta del Mezzogiorno del 25/04/2020 
© Copyright – Tutti i diritti sono riservati

Condividi
Condividi:
Categoria:Notizie
Articolo precedente
Jacopo Fo e quel film su Matera rimasto chiuso in un cassetto
Articolo successivo
ASILI NIDI PRIVATI AL COLLASSO. “FATECI RIAPRIRE ALMENO A GIUGNO”

0 Commento

Lascia una risposta